Carta di credito, tessera associativa, strumento per ottenere sconti e per donare: è la Volontariocard. Per ora potranno usufruirne associazioni e volontari delle città metropolitane di Milano e Napoli. L’iniziativa è dei Centri Servizio per il Volontariato dei due capoluoghi e di Ubi Banca. Le associazioni che aderiscono potranno dare ai propri soci la Volontariocard personalizzata con il logo dell’associazione e la foto del volontario. Il volontario la potrà usare come carta di credito prepagata e per ogni acquisto o operazione che effettuerà l’associazione otterrà una donazione pari al 20% del ricavo di Ubi Banca sulla transizione. Inoltre, con la Volontariocard è possibile ottenere sconti dalle aziende convenzionate (ad oggi sono 44 di cui 10 attive a livello nazionale, ma il loro numero è destinato ad aumentare). “È una grande opportunità per le associazioni -afferma Ivan Nissoli, presidente di Ciessevi Milano -. Hanno a disposizione uno strumento che offre un servizio ai loro volontari e che può rafforzare il senso di appartenenza alla loro organizzazione e al mondo del volontariato”.

La Volontariocard è rivolta solo alla organizzazioni di volontariato (iscritte o meno ai registri): a Milano sono oltre 2mila (con 45mila volontari) e a Napoli 1.315 (con 32mila volontari). Per le associazioni non ha nessun costo di attivazione, mentre per i volontari ci saranno solo i costi di gestione (50 centesimi al mese). “Ubi Banca inoltre per ogni carta attivata farà una liberalità di 2 euro all’associazione -sottolinea Riccardo Tramezzani, responsabile retail dell’Istituto-. Questo progetto rientra nelle iniziative di Ubi Comunità, modello di servizio dedicato al terzo settore, tra le quali ricordo l’emissione di 72 social bond, che hanno permesso di erogare 3,5 milioni di euro di liberalità a favore di realtà non profit”.  (Dario Paladini, per Redattore Sociale)

Vieni a scoprire gli ‪#‎AcquistiPerBene‬ di #VolontarioCard a Fa’ la cosa giusta! 2016.