Sarà nel segno dell’arte la diciannovesima edizione della Notte dei Senza Dimora, organizzata a Milano da un gruppo di 25 associazioni ed enti che si occupano di grave emarginazione. Per l’occasione, infatti, la Fondazione Isacchi Samaja Onlus ha indetto il “Premio Isacchi Samaja”, dedicato agli artisti che vivono in strada. La premiazione si terrà nel corso della Notte (sabato 13 ottobre, in piazza Santo Stefano, a partire dalle 18.30). Il Premio, in memoria di Amelia Isacchi Samaja (1914-2007), fondatrice dell’omonima Fondazione e si articola in tre sezioni: narrativa e poesia, arte figurativa (pittura, scultura, a tema libero) e Fotografia (soggetto a tema libero). Paolo Cognetti e Giorgio Fontana, rispettivamente Premio Strega 2017 e Premio Campiello 2014, saranno i giurati della sezione Narrativa e Poesia, affiancando Paola Arzenati, direttore generale della Fondazione Isacchi Samaja. Enzo Umbaca, Elena Valdré e Giulia Volontè saranno parte della giuria per la sezione Arte figurativa, insieme alla Arzenati; Emanuele Cucca, Daniele Lazzaretto, Andrea Lai e Luca Orsi valuteranno insieme a lei le opere della sezione Fotografia.

Dopo la premiazione persone con e senza dimora saranno fianco a fianco durante la grande cena gratuita e, dalle 21.30, parteciperanno alla festa in piazza con musica dal vivo, messaggi e testimonianze. La serata in piazza avrà il suo culmine nella dormita all’aperto, sul sagrato della chiesa, a cui sono invitano tutti i cittadini a prendere parte per l’intera durata della notte.

La serata rappresenta un momento di confronto fra i cittadini e le associazioni che si occupano di assistenza e reinserimento di persone in difficoltà, per informarsi e offrirsi come volontari. Per meglio affrontare il freddo, dalle 16 i