L’associazione di promozione sociale Ghirovagando, che da qualche anno ha in gestione il Rifugio Le Fontanelle sito nel Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna,  è alla ricerca di volontari (gestori alla pari) da affiancare ai gestori durante la stagione estiva (fino a settembre 2018). Collaboreranno con i gestori in cambio di vitto e alloggio con orari di lavoro che consentiranno comunque di avere del tempo libero durante la giornata. Se sei interessato o vuoi avere maggiori informazioni manda una mail all’indirizzo ghirovagando@rifugiofontanelle.it indicando anche il periodo preferito e i giorni.
Il Rifugio si trova immerso nella foresta di faggio, vicino ad una sorgente perenne, in un ambiente d’alta quota incontaminato. I boschi circostanti sono abitati da caprioli, cinghiali, cervi, daini e dal lupo appennico. Sulle aspre rupi del versante romagnolo nidifica l’aquila reale, il gufo reale ed il falco pellegrino. I sentieri più interessanti della zona sono quelli della GEA, la Grande Escursione Appenninica, un itinerario escursionistico lungo 375 km che, partendo da Bocca Trabaria, al confine fra Toscana, Umbria e Marche, percorre tutto il crinale dell’Appennino tosco-romagnolo e tosco-emiliano fino alla Liguria dove, al passo dei Due Santi, si unisce all’alta via dei Monti Liguri.

Poche righe per raccontare il progetto di gestione del Rifugio Le Fontanelle:
Cibo buono, non solo da mangiare.Una rete di produttori locali e di aziende biologiche forniscono la nostra dispensa. In tavola arriva cibo cucinato con passione e con prodotti di qualità.
Economia alternativa. Il Rifugio le Fontanelle aderisce a Banca Etica.Per gli ospiti del rifugio si intende promuovere un approccio ad un’economia non monetaria (ospitalità in cambio di lavoro, economia di scambio, volontariato alla pari, ecc…).
Relazioni col territorio. Fare rete, incoraggiare la collaborazione e lo scambio tra generazioni. Una particolare attenzione viene data al rapporto con il territorio, costruendo relazioni con persone del posto, contadini, pastori, gestori di altre strutture, amministrazioni locali.
Ecosistema rifugio. Si partecipa a giornate di pulizia e manutenzione sentieri, promuovendo eventualmente la partecipazione di volontari. La presenza costante di escursionisti consapevoli e attenti come i soci e ospiti garantisce un controllo per la tutela ambientale