Se volete conoscere il volto più autentico della Valle d’Aosta, scegliete il Cammino Balteo: un grande itinerario ai piedi delle Alpi occidentali, le vette “tetto d’Europa”, per scoprire la storia e la cultura della regione attraverso i territori della media montagna. Percorrendolo a piedi o in bicicletta potrete apprezzare la bellezza dei borghi, le tradizioni e coltivazioni locali, lungo una suggestiva rete di antiche mulattiere di pietra, ponti a schiena di cavallo e “ru”, i caratteristici canali per l’irrigazione di origine medievale.

Il percorso, lungo 350 chilometri, è strutturato ad anello e tocca 46 comuni: grazie alla suddivisione in 23 tappe consente di scoprire progressivamente il territorio, dalla Bassa all’Alta Valle e viceversa. Potete esplorarlo un week-end alla volta, dividendo il tempo tra bellezze paesaggistiche, eccellenze enogastronomiche e tracce di epoca preistorica, romana e medievale. La vista è indimenticabile: soleggiati terrazzamenti affacciati sul fondovalle, filari di vigneti arrampicati sulle rocce, villaggi dalla lunga storia e dalle solide tradizioni. Facendo tappa nei paesi, nei piccoli alberghi, B&B e negli agriturismi potrete scoprire come nascono i prodotti della cucina valdostana, dal vino ai formaggi ai salumi.

Molti sono i monumenti storici che potete ammirare, dal castello di Fénis all’architettura romana di Pont d’Ael. Insieme a Laurette Proment, dell’Assessorato al Turismo della Regione Valle D’Aosta, e a Roberta Ferraris e Franco Faggiani, autori della guida “Il Cammino Balteo” per Terre di mezzo Editore, in questo video vi portiamo alla scoperta di tutti i segreti del percorso: dai luoghi più belli, ai piatti imperdibili della cucina locale, fino all’attrezzatura necessaria per partire.

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

Il Cammino Balteo non è adatto solo agli escursionisti esperti ma anche a chi è alla sua prima esperienza con il trekking, perché consente di viaggiare leggeri e offre, indipendentemente dalla stagione, un’esperienza speciale. Perfetto quindi sia per famiglie con bambini sia per sportivi, se il desiderio è quello di coniugare l’attività fisica all’aria aperta con la cultura, la buona tavola e la natura, tra pascoli e foreste.
In questo video, insieme all’enologo Nicola Del Negro, alla guida turistica Stefania Soudaz e a Stella Bertarione dell’Assessorato ai Beni Culturali della Regione Valle D’Aosta, vi raccontiamo perché quello lungo il Cammino Balteo è un viaggio senza tempo.

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.