Uno dei filoni tematici dell’edizione speciale di Fa’ la cosa giusta! 2020 è Ripartire dai territori dove trova spazio un nuovo sguardo sui luoghi meno abitati del nostro Paese e sulle comunità montane: rifugio da città sempre più caotiche, riserva di futuro per immaginare un nuovo modello di sviluppo, meta di turismo lento e viaggi innovativi, opportunità per nuovi insediamenti e fucina di progetti.

Una serie di incontri imperdibili per scoprire le aree interne e il loro patrimonio nascosto da cui vogliamo ripartire, fatto di nuovi ritmi, rispetto per la natura, tradizioni e innovazione. Dal 20 al 29 novembre, qui sul sito, sulla pagina Facebook e il canale YouTube di Fa’ la cosa giusta!.

Questi alcuni appuntamenti:

Riabitare l’Italia / 23 novembre, ore 21
É possibile cambiare il destino di una fetta pari al 60 per cento della superficie dell’Italia? Un viaggio tra le storie di innovatori e ri-abitanti dei territori fragili con Antonio De Rossi, curatore del volume “Riabitare l’Italia”, Sabrina Lucatelli, direttrice dell’associazione “Riabitare l’Italia” e Francesco Monaco, coordinatore SNAI.

I margini al centro / 24 novembre, ore 19:30
Per rendere davvero abitabili le aree interne è necessario ripensare completamente i servizi alla cittadinanza, riducendo le disuguaglianze territoriali: ne parleremo con Fabrizio Barca, Coordinatore del Forum Disuguaglianze Diversità, il professore Giovanni Carrosio e Coordinatore nazionale dei Piccoli comuni ANCI Massimo Castelli.

La cooperazione di comunità / 26 novembre, ore 19:30
Le cooperative di comunità sono un’infrastruttura fondamentale, da tenere viva non solo nelle aree interne: per raccontarci i progetti in atto, i primi sogni realizzati e le prospettive future di queste realtà abbiamo invitato il sindaco di Biccari Gianfilippo Mignogna e il responsabile del progetto “Cooperative di comunità” di Confcooperative Gi