L’Italia riparte dalle aree interne

Uno dei filoni tematici dell’edizione speciale di Fa’ la cosa giusta! 2020 è Ripartire dai territori dove trova spazio un nuovo sguardo sui luoghi meno abitati del nostro Paese e sulle comunità montane: rifugio da città sempre più caotiche, riserva di futuro per immaginare un nuovo modello di sviluppo, meta di turismo lento e viaggi innovativi, opportunità per nuovi insediamenti e fucina di progetti.

Una serie di incontri imperdibili per scoprire le aree interne e il loro patrimonio nascosto da cui vogliamo ripartire, fatto di nuovi ritmi, rispetto per la natura, tradizioni e innovazione. Dal 20 al 29 novembre, qui sul sito, sulla pagina Facebook e il canale YouTube di Fa’ la cosa giusta!.

Questi alcuni appuntamenti:

Riabitare l’Italia / 23 novembre, ore 21
É possibile cambiare il destino di una fetta pari al 60 per cento della superficie dell’Italia? Un viaggio tra le storie di innovatori e ri-abitanti dei territori fragili con Antonio De Rossi, curatore del volume “Riabitare l’Italia”, Sabrina Lucatelli, direttrice dell’associazione “Riabitare l’Italia” e Francesco Monaco, coordinatore SNAI.

I margini al centro / 24 novembre, ore 19:30
Per rendere davvero abitabili le aree interne è necessario ripensare completamente i servizi alla cittadinanza, riducendo le disuguaglianze territoriali: ne parleremo con Fabrizio Barca, Coordinatore del Forum Disuguaglianze Diversità, il professore Giovanni Carrosio e Coordinatore nazionale dei Piccoli comuni ANCI Massimo Castelli.

La cooperazione di comunità / 26 novembre, ore 19:30
Le cooperative di comunità sono un’infrastruttura fondamentale, da tenere viva non solo nelle aree interne: per raccontarci i progetti in atto, i primi sogni realizzati e le prospettive future di queste realtà abbiamo invitato il sindaco di Biccari Gianfilippo Mignogna e il responsabile del progetto “Cooperative di comunità” di Confcooperative Giovanni Teneggi.

Salire in montagna / 27 novembre, ore 18
Il nuovo libro del metereologo Luca Mercalli, Salire in montagna, è una prospettiva intima sul cambiamento climatico, in cui l’autore ci racconta la sua “migrazione verticale” dalla città alla montagna, tra rispetto della natura ed esigenze da cui non possiamo più prescindere.

La montagna italiana senza neve / 28 novembre, ore 21
Nonostante l’innalzamento delle temperature e la riduzione delle precipitazioni, in tutta Italia si moltiplicano i progetti per realizzare nuovi impianti di risalita per lo sci: analizzeremo la situazione con gli esperti e attivisti Luigi Casanova di Mountain Wilderness, Marano Mario Viola del Club Alpino Italiano e Ines Millesimi di Italia Nostra.

Gli appuntamenti del filone Ripartire dai territori sono realizzati grazie al sostegno di Naturasì.

Per ogni incontro c’è la possibilità di cliccare su “Ricevi il promemoria”: un’ora prima della diretta ti ricorderemo di partecipare con una email.

Tutti le dirette saranno trasmesse in streaming qui sul sito, sulla nostra pagina Facebook e il canale Youtube, dal 20 al 29 novembre, vi aspettiamo!