Rinviata La Notte dei senza dimora, edizione 2020

Edizione 2020 rinviata

Con dispiacere le associazioni de La Notte dei senza dimora hanno deciso, per prudenza, di rimandare l’evento per poterlo fare in piena sicurezza appena possibile.
La premiazione del concorso avverrà per ora in forma privata, con la consegna dei premi ai vincitori, e poi quando sarà possibile si farà una festa grande con tutti.
Nel mentre chiediamo a tutti di mantenere un’attenzione speciale per chi si trova per strada, soprattutto in questo primo inverno.
Grazie e a presto

——

In occasione della Giornata Onu per la lotta contro la povertà, le iniziative a Milano, Palermo e Roma per riflettere sulla condizione di chi vive in strada.

Sarà un’edizione molto particolare la ventunesima Notte dei senza dimora a Milano, storica iniziativa che ha lo scopo di sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sulla condizione dei senza dimora. Si terrà sabato 17 ottobre, in occasione della Giornata mondiale Onu per la lotta alla povertà. Nata da un’idea di Terre di mezzo, a Milano viene organizzata insieme a una ventina di associazioni. Di solito si svolgeva in una delle piazze, ma la pandemia impone una forma diversa: si terrà quindi nel giardino di Casa Jannacci, ex dormitorio comunale, in Viale Ortles 69, dove potranno accedere solo 150 persone. L’evento però potrà essere seguito in diretta sul sito lanottedeisenzadimora.org e sul profili Facebook.

Come è ormai nella tradizione, sarà una Notte all’insegna della musica e dell’arte. Le porte di Casa Jannacci si apriranno alle 16 e poco dopo si esibiranno “Cor Unum”, l’ensemble composto da persone con e senza dimora, e alcuni musicisti di strada. Dalle 17.15, un momento di condivisione sul difficile passaggio del periodo del lockdown e sul vissuto delle persone senza dimora, con testimonianze dei diretti interessati, volontari e operatori delle associazioni. Si rifletterà sulle criticità passate e sui possibili strumenti per affrontarle nel caso che ci siano situazioni simili nei prossimi mesi e sulla preparazione al primo inverno in epoca di Covid.

Dalle 18.30 si terrà la premiazione della quarta edizione del Premio Amalia Isacchi Samaja per gli “Artisti che vivono in strada”. Quest’anno il premio ha come tema: “Vir – virus – virtus” interrelazione tra umanità (vir, in senso lato), il virus, e la capacità, la forza, il coraggio e la capacità (virtus) di combatterlo e vincerlo. Il premio si articola nelle sezioni: Narrativa e Poesia, Arte figurativa, Fotografia.

Al termine della serata verrà distribuito un pacco-cena preconfezionato a tutti i partecipanti, offerto dalle associazioni organizzatrici della Notte dei senza dimora: Insieme nelle Terre di mezzo, Fondazione Isacchi Samaja, Opera Cardinal Ferrari, Ronda Carità e Solidarietà, Mia-Milano In Azione, Casa Jannacci, Voci-Volontari Cittadini, Fondazione Progetto Arca, Croce Rossa Italiana-Comitato di Milano, Associazione Avvocato di Strada, Associazione MIRaggio, Cast, Sos Milano, Casa della Carità, Fio.psd, Anime Bisognose, Fondazione Fratelli di San Francesco, Ciclochard, Sos Stazione Centrale-Fondazione Exodus.

Anche a Palermo si terrà la Notte dei senza dimora, distribuita su più serate con un ciclo di incontri e musica a “Il Giardino al Fresco – Bistrot”. È organizzata dalla Diaconia Valdese La Noce, l’Istituto don Calabria – Progetto Famiglia, le cooperative sociali La Panormitana, Rigenerazioni e Cotti in Fragranza. Gli incontri si terranno il martedì, a partire dalle ore 18.30. Si inizia il 13 ottobre, con “Sguardi” a cura del Polo Agape, seguito il 20 con “L’emergenza Insieme” con il Polo Domus Carmelitana, e infine, il 27 con “Sotto lo stesso tetto” con il Polo San Francesco.

A Roma, in occasione della Giornata Onu, si terrà sabato 17 la terza edizione di “Termini Sociali”, organizzata da Binario 95, manifestazione “che fa incontrare il ‘sociale’ di Roma con esperti, cittadini ed istituzioni intorno ai temi del disagio sociale della città”. “Tra le tante idee, progetti, proposte e riflessioni che saranno presentate -scrivono gli organizzatori sul sito binario95.it, una toccante testimonianza di Yohana Ambros, giovane regista che ha vissuto il lockdown per strada e che attraverso un cortometraggio dal titolo #vorreirestareacasa racconterà i volti e le parole di chi avrebbe voluto rimanere a casa, ma una casa non l’aveva”.

Redazione: Dario Paladini



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.