Sabato 16 ottobre si svolgerà la ventunesima edizione de La Notte dei Senza Dimora. La tradizionale iniziativa, organizzata da una ventina di associazioni ed enti che si occupano di grave emarginazione, torna in piazza, dopo la sospensione causa Covid-19 del 2020.

Lo scopo è quello di sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sulla condizione di povertà ed emarginazione sociale delle persone senza dimora, aggravata proprio dalla pandemia.

Sarà una Notte all’insegna della solidarietà, dell’arte, della musica e della salute

Una delle novità di questa edizione sarà la presenza in piazza di un’unità mobile per effettuare vaccinazioni anti Covid-19, visite mediche e distribuire kit igienici alle persone in difficoltà, a cura di Fondazione Progetto Arca e AREU-Agenzia Regionale Emergenza Urgenza.

La Notte inizia alle ore 16 con “Magliando”, gruppo che lavora a maglia per preparare coperte, guanti e berretti per i senza dimora, e con l’animazione del “Teatro sociale”.

Alle 18 verranno assegnati i riconoscimenti per il “Premio Isacchi Samaja”, organizzato in memoria di Amelia Isacchi Samaja, fondatrice dell’omonima Fondazione, dedicato agli artisti che vivono in strada, per le seguenti categorie: narrativa e poesia (racconti e poesie), arti figurative (pittura, scultura) e fotografia (soggetto a tema libero).

La serata poi continuerà con la musica, grazie al coro “Cor Unum” di Casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci e ai musicisti di strada. Alle ore 20 ci sarà la distribuzione del “pacco-cena” a tutti i partecipanti, preparato dalle associazioni organizzatrici. La giornata avrà il suo culmine, infine, nella dormita all’aperto a cui tutti i partecipanti alla serata sono invitati a prendere parte, m