Il cuore di Fa’ la cosa giusta! è il suo programma culturale: incontri, laboratori, mostre e performance artistiche che scandiranno le tre giornate dell’evento – 29 e 30 aprile, 1 maggio – invitando i visitatori a guardare con concretezza e spirito critico ai temi del futuro, dalla sostenibilità ambientale a quella sociale. Ad aiutarci a navigare nella complessità del presente, la voce dei suoi protagonisti. Come filo rosso avremo la gentilezza: una virtù da esercitare ogni giorno, nel modo in cui ci rapportiamo al pianeta, a noi stessi e agli altri.

Per partecipare agli appuntamenti del programma culturale è sufficiente prenotare il proprio ingresso in fiera sul nostro sito: tra una visita agli stand e l’altra potrete accedere liberamente agli incontri, che trovate presentati nella pagina dedicata
Ma passiamo ora alla presentazione di alcuni degli appuntamenti in programma!

Un viaggio in bicicletta può lanciare un messaggio di impegno per il clima? È questa la sfida di due cicloturisti e attivisti, Domenico Romano e Pietro Angelo Lo Bue, che a giugno partiranno da Lampedusa alla volta di Capo Nord. Quaranta giorni di viaggio, lungo 7.500 chilometri, attraverso tutta l’Europa. I protagonisti di questa avventura, supportata da Legambiente, ne parleranno venerdì 29 aprile alle 17 nella Piazza Fa’ la cosa giusta! 

Un altro esploratore, Gabriele Gregori, campione del canottaggio olimpico italiano, ogni giorno dopo gli allenamenti setaccia rive e insenature per liberare il grande fiume dalla sporcizia: sarà con noi domenica 1° maggio ore 16. Corri, pattina, rema e…pulisci il mondo! in compagnia di Andrea Amato, presidente dell’associazione Wau – We are urban Milano e Simone Lunghi, fondatore degli “Angeli dei Navigli”.

Piccole azioni alla portata di ognuno di noi che possono cambiare il mondo, e il nostro sguardo sul pianeta: come quelle di cui ci parlerà Lisa Casali, nell’incontro dedicato a un’economia domestica più sostenibile Come diventare un vero consumatore green, nel quale attraverso quiz e momenti interattivi proveremo a risolvere i dilemmi del consumo critico e a svelare il green-washing. Sabato 30 aprile, ore 16.