ore –


I frutti del deserto di Said

Said, guida in Marocco della Compagnia dei Cammini, appartiene ad una grande tribù saharawi: è nato nel deserto e vi ha vissuto in nomadismo fino all’età adulta. In contrapposizione alla generale tendenza all’inurbamento che il Paese sta vivendo, l’amore per la sua terra ha indotto Said ad intraprendere anche una piccola, ma significativa e appassionante sfida come agricoltore: strappare all’abbandono il Giardino della Dràa, un terreno sulla riva sinistra del wadi un tempo lussureggiante, ma poi colonizzato dalle dune e con le palme da datteri provate dalla siccità.


Said è nato nel deserto e vi ha vissuto in nomadismo fino all’età adulta. Organizzare viaggi in carovana gli permette di non perdere il contatto col Sahara, sua vera casa. Nel 2013 ha intrapreso un’appassionante sfida: strappare all’abbandono il Giardino della Dràa. Ci sono stati momenti entusiasmanti ed altri difficili, dal primo raccolto di datteri, alla si