la settimana dei cammini
venerdì 27 Novembre ore 16:00


L’Italia dei cammini: qualità e benessere per ripartire

La qualità dei percorsi, dei territori e dei servizi per favorire il nostro benessere e come occasione per ripartire


Iscriviti ora

L’Italia dei cammini che desideriamo pone al centro la qualità per un reale benessere di tutti noi. Infrastrutture, accessibilità, connessioni, servizi, accoglienza: la qualità si declina in diversi modi e rappresenta la condizione necessaria per ri-partire, tra paesaggi naturali e storici, città e piccoli borghi, con una mobilità dolce.

Ne parliamo con Andrea Rolando (Osservatorio e-scapes del Politecnico di Milano per lo studio e la valorizzazione dei territori attraversati dai percorsi lenti) che illustrerà i diversi aspetti della qualità dei cammini e con diversi esponenti della rete dell’Alleanza Mobilità Dolce, che porteranno esperienze e punti di vista utili a dare concretezza e attualità al concetto di qualità: Ambra Garancini (Rete dei Cammini), Isabella Andrighetti (Touring Club Italiano), Fabio Pasqualini (Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio), Pietro Scidurlo (Free Wheels Onlus), Pier Giorgio Oliveti (CittaSlow).

Organizzato da: Alleanza Mobilità Dolce (A.Mo.Do.)





altri appuntamenti che potrebbero interessarti


23 Novembre ore 13:00
Mente, corpo, spirito. Stare bene un passo dopo l’altro
Con: Alberto Pugnetti, Gabriele Rosa, Massimo Dorini, Roberta Cortella
Benessere fisico ma non solo, il cammino può far bene a sé e agli altri ma anche trasformarsi in occasione di riscatto.

24 Novembre ore 13:00
Cammino Balteo: il volto slow della Valle d’Aosta
Con: Franco Faggiani, Laurette Proment, Roberta Ferraris
Scopri tutti i segreti del percorso: quando partire, come organizzare il viaggio, cosa portare…

24 Novembre ore 14:30
È vero boom quello dei cammini in Italia? Parola ai tour operator
Con: Alberto Conte, Fabrizio Teodori, Marco Baglioni, Tullia Caballero
Il turismo è tra i settori più colpiti dalla pandemia. Può essere il viaggio lento la soluzione per risollevare il settore?