la settimana dei cammini
domenica 29 Novembre ore 14:30


“Per chi vuole non c’è destino”

Un viaggio tra le curve più intime della vita di Pietro in cui tutti possono ritrovarsi.


È vero, la vita sceglie la musica e noi come ballarla. Esiste dunque un destino ma ad ognuno di noi spetta il compito di riscrivere le note stonate del nostro cammino e se non riusciamo ad accordarle tutte va bene lo stesso perché conta ciò che facciamo con quello che abbiamo. Questo si evince fin dalle prime pagine del libro, quasi un intimo diario colmo di emozioni capaci di farti immedesimare in una vita che parla di tante vite. Pietro è come l’Araba Fenice che rinasce dalle proprie ceneri dopo la morte e proprio per questo motivo simboleggia il potere della resilienza, ovvero la capacità di far fronte in maniera positiva alle avversità. Bisogna morire prima di rinascere e bisogna prendere tante strade prima di imboccare in quella giusta. Il Cammino di Santiago rappresenta solo la prima tappa della crescita interiore di un uomo che ieri vedeva la vita come un’imposizione, oggi come un’occasione per perdonare, donare e donarsi.

Organizzato da: Terre di Mezzo Editore