ore –


Scartoria: libero laboratorio di sartoria con scarti

L’innovazione del progetto consiste quindi creare oggetti, senza ago di ago e filo, ma solo con tagli e nodi applicati a stoffe.


Il laboratorio di scartoria nasce dall’esigenza di recuperare gli scarti di tessuti, vestiti, nastri passamanerie del nostro uso quotidiano. Questo progetto nasce dal bisogno di NON sprecare scarti di tessuto che avanzano dalla produzione della mia linea di abbigliamento. Realizzando abiti, anche con materiali sostenibili e costosi come canapa e cotone organico, ho iniziato ad accumulare molti scarti. Di qui l’esigenza di non sprecarli e dargli nuova vita! L’innovazione del progetto consiste quindi nel creare oggetti, senza ago e filo, ma solo con tagli e nodi applicati a stoffe. La metodologia del laboratorio di scartoria si basa sulla naturalità dell’imparare e dell’esprimersi, secondo un metodo di ‘Congetture e Confutazioni’, prove ed errori che non pone limiti alla creatività, ma considera il limite e lo scarto una risorsa.

Organizzato da: Nicoletta Fasani