la settimana dei cammini
mercoledì 25 Novembre ore 11:00


Vie sacre e cammini religiosi in Sicilia

Una rete di percorsi che abbraccia l’intera isola, tra fede e trekking


Ricevi un promemoria

Le possibilità di viaggiare a piedi in Sicilia sono sempre più numerose. In particolare, sull’esempio del  Cammino di Santiago di Compostela, si sono strutturati diversi percorsi religiosi e vie sacre che toccano tutte le province dell’isola e permettono al camminatore di essere sia pellegrino sia turista: alla scoperta dei luoghi, dei territori e delle comunità che attraversa.

Sono oltre 20 i cammini che fanno parte del nuovo Atlante regionale, alcuni già pronti e in parte strutturati per accogliere viandanti da tutta Italia (e non solo!) come la Via dei Frati (da Caltanissetta a Cefalù per scoprire l’entroterra siciliano) o il percorso Sulle Orme di san Bernardo (da Corleone a Sciacca), altri sono poco più che un’idea sulle mappe.
Ne parliamo con don Roberto Fucile rappresentante della CEI Sicilia e tra i principali promotori del progetto, Gioacchino Martorana, presidente Associazione Animosa Civitas di Corleone, Santo Mazzarisi presidente del Comitato Amici della Via dei Frati e con Gandolfo Ganci di Regione Sicilia.

Organizzato da: Regione Sicilia





altri appuntamenti che potrebbero interessarti


23 Novembre ore 13:00
Mente, corpo, spirito. Stare bene un passo dopo l’altro
Con: Alberto Pugnetti, Gabriele Rosa, Massimo Dorini, Roberta Cortella
Benessere fisico ma non solo, il cammino può far bene a sé e agli altri ma anche trasformarsi in occasione di riscatto.

24 Novembre ore 13:00
Cammino Balteo: il volto slow della Valle d’Aosta
Con: Franco Faggiani, Laurette Proment, Roberta Ferraris
Scopri tutti i segreti del percorso: quando partire, come organizzare il viaggio, cosa portare…

24 Novembre ore 14:30
È vero boom quello dei cammini in Italia? Parola ai tour operator
Con: Alberto Conte, Fabrizio Teodori, Marco Baglioni, Tullia Caballero
Il turismo è tra i settori più colpiti dalla pandemia. Può essere il viaggio lento la soluzione per risollevare il settore?