Tra i fondatori di cheFare, ne segue lo sviluppo dal 2012 e ne è Direttore Scientifico  e Responsabile Ricerca e Sviluppo.
Come docente, autore e progettista si occupa di spazi urbani, economia della cultura, DIY 2.0 e manifattura distribuita, culture della rete e della collaborazione, innovazione dal basso, arte elettronica. Al cuore di tutto c’è un forte interesse per l’intersezione tra cultura, tecnologia e società, e la convinzione che ci sia il bisogno di nuove forme di azione sociale e politica.Scrive spesso, dove capita: IL, La Domenica – Il Sole 24 Ore, Nòva, Artribune, Doppiozero, Digicult, Gli Stati Generali.